Batik cinese indonesiano

Filter:

Disponibilità
0 selected Reset
Prezzo
The highest price is $69.00 Reset
$
$

6 products

Filter and sort
Filter and sort

6 of 6 products

Disponibilità
Prezzo

The highest price is $69.00

$
$

6 products

Cinese indonesiano

I cinesi costituiscono una percentuale modesta della popolazione complessiva del Paese e sono spesso riconosciuti come la spina dorsale economica del Paese. La maggior parte dei cinesi vive in Indonesia da diverse generazioni. La maggior parte di loro ha origini miste, non parla cinese, ha cognomi indonesiani e ha sviluppato dialetti e tradizioni diverse a seguito delle relazioni di interscambio con gli indonesiani.

Un gruppo ancora più ristretto di persone che si ritiene siano di origine interamente cinese ha un'identità cinese distinta in termini di lingua, religione e costumi. La maggior parte dell'intera popolazione cinese risiede nelle città di Giava e Sumatra, dove è impegnata in attività commerciali. Nel Kalimantan occidentale, dove molti sono agricoltori, pescatori e lavoratori urbani, i cinesi costituiscono una percentuale considerevole della popolazione. Molti abitanti dell'arcipelago di Riau portano avanti un'eredità mineraria tramandata per secoli.

Dopo l'indipendenza dell'Indonesia, la stragrande maggioranza degli ex cittadini olandesi ed eurasiatici ha lasciato il Paese. Oggi gli indonesiani di origine indiana ed europea sono pochi in termini di popolazione, ma il loro impatto sugli affari e su altri aspetti della società indonesiana è evidente nelle principali città del Paese.

Batik cinese indonesiano

Numerosi lignaggi aristocratici giavanesi hanno evoluto nel tempo i propri stili distintivi. In ogni località è stata creata una varietà di motivi che riflette la disponibilità di tinture e le preferenze dei residenti locali in fatto di colori. I disegni includevano anche simbolismi e rappresentazioni della flora e della fauna regionali, come specie di animali e uccelli, farfalle, pesci, conchiglie, fiori, frutti e foglie. Per rispettare i divieti islamici di raffigurare qualsiasi creatura reale, animali come il pavone, l'aquila e l'elefante venivano occasionalmente rappresentati in forma altamente stilizzata.

In totale, si conoscono più di 3.000 motivi batik, alcuni dei quali sono rimasti intatti per centinaia di anni. Esistevano diversi modelli progettati per un uso specifico o vietati ai comuni cittadini, come il batik parang rusa e il batik swat, che erano riservati all'uso esclusivo dei reali. Nonostante ogni singolo lavoratore fosse libero di creare le proprie varianti, i disegni si basavano su modelli convenzionali.

Ad esempio, il kawung, originario di Giava centrale e uno dei disegni fondamentali, è composto da quattro ovali o ellissi, che si dice rappresentino il frutto del kapok, disposti come i petali di un fiore e ripetuti geometricamente, con l'aggiunta di piccoli motivi floreali come ornamento. Quando il kawung apparve per la prima volta su una figura in pietra di Kediri nel 1239 d.C., fu considerato una nuova invenzione.

Il parang (noto anche come "pietra stracciata" o "coltello da taglio") è un tessuto tradizionale giavanese originario di Solo, nel centro di Giava. Si distingue per le strisce diagonali impreziosite che attraversano il tessuto, tipicamente incorniciate da bordi smerlati.

Si tratta di un disegno simmetrico composto da stelle, croci e rosette disposte a formare cerchi o quadrati in modo simmetrico e continuo. È possibile aggiungere animali o piante al disegno, ma non è consigliabile.

I disegni del seme sono meno geometrici: molti rappresentano alberi o viti che si estendono su uno sfondo stilizzato piuttosto che linee rette. I disegni provenienti dall'India o dalla Cina sembrano aver influito sulla creazione di questi motivi.

Lingue cinesi indonesiane

La lingua ufficiale dell'Indonesia è l'indonesiano (Bahasa Indonesia). Tuttavia, ha molto in comune con altri dialetti malesi che sono stati a lungo utilizzati come lingua franca regionale, come il dialetto Riau-Jambi di Sumatra orientale, che si è sviluppato da uno stile letterario della lingua malese utilizzato nelle case reali di quella regione.

Le principali distinzioni tra il malese standard e l'indonesiano standard si trovano nei loro idiomi e in specifici vocaboli. Solo nel 1972 l'Indonesia e la Malesia hanno raggiunto un accordo per un'ortografia coerente e aggiornata della lingua, che ha permesso di migliorare la comunicazione e di condividere più liberamente la letteratura tra le due nazioni.

Non avendo frasi distintive basate sulla gerarchia sociale e non essendo collegata a nessuno dei gruppi etnici più importanti del Paese, la lingua indonesiana è ampiamente accettata e ha funzionato come una potente forza di unificazione nazionale. Grazie alla sua importanza nella stampa fin dall'inizio del XX secolo in varie zone del Paese, ha anche funzionato come mezzo di comunicazione politica tra i membri del movimento nazionalista negli anni che hanno preceduto la rivoluzione e la proclamazione dell'indipendenza nel 1945.

Letteratura cinese indonesiana

Scrittori di etnia cinese e di Sumatra hanno scritto romanzi, drammi e poesie in questa lingua, che hanno costituito la base per lo sviluppo della letteratura indonesiana contemporanea. Attualmente, la lingua indonesiana è la lingua madre per alcuni abitanti della città e una seconda lingua per la maggior parte della popolazione. Viene insegnata agli studenti universitari ed è utilizzata nelle pubblicazioni scientifiche, filosofiche e legali, nonché nei dibattiti e nelle discussioni in questi campi.

La maggior parte delle canzoni popolari prodotte per il pubblico nazionale sono scritte in lingua indonesiana, utilizzata anche dalle stazioni radio, dalle reti televisive e dai film (le lingue locali sono usate raramente). Tuttavia, nella zona ci sono molti gruppi che scrivono ed eseguono canzoni in lingue e dialetti locali.

Religioni cinesi indonesiane

Sull'isola di Indonesia, l'Islam è praticato da oltre nove decimi della popolazione. I cristiani, pur essendo poco numerosi, si trovano in alcune zone della nazione, in particolare a Flores e Timor, oltre che nel nord di Celebes, nell'interno del Kalimantan e nelle Molucche. La maggioranza è protestante o cristiana indipendente, mentre i restanti sono principalmente cattolici romani.

Oltre a essere cristiani, molti cinesi vivono nelle aree urbane e praticano il buddismo o il confucianesimo, occasionalmente combinati con il cristianesimo. Gli induisti costituiscono meno del 2% della popolazione indonesiana, nonostante l'induismo sia la religione principale a Bali e abbia un gran numero di fedeli sull'isola di Lombok. Alcune fedi indigene sono praticate in alcuni luoghi lontani.

Finché non raggiunsero aree così vaste come Giava e Sumatra meridionale (prive di ostacoli naturali), le principali fedi dell'Indonesia furono tutte introdotte lungo la costa e si diffusero lentamente nell'interno, ad eccezione di quelle di Giava e Sumatra meridionale.

Molto prima dell'arrivo di fedi straniere in queste regioni, come il Kalimantan centrale e la Nuova Guinea occidentale, le montagne settentrionali di Sumatra e l'interno di altre isole collinari, le religioni erano per lo più assenti da queste aree. Tuttavia, gran parte del lavoro missionario cristiano svolto nel XX secolo è stato rivolto alle popolazioni del centro del Paese.

Storia religiosa dell'Indonesia cinese

La più antica storia documentata dell'Indonesia rivela notevoli influenze religiose provenienti dall'India; i primi governi indonesiani, che avevano sede a Giava o a Sumatra, si sono evoluti attraverso diverse varietà di induismo, oltre che di buddismo Theravada e Mahayana, e altre tradizioni religiose. Le fedi dell'Induismo e del Buddismo furono entrambe seguite come religioni di corte per tutto il IX secolo d.C.; Shiva e Buddha erano entrambi visti come espressioni della stessa entità spirituale in questo periodo.

Nel XIV secolo, l'Islam, portato a Giava e Sumatra da commercianti musulmani provenienti soprattutto dall'Asia meridionale, soppiantò l'induismo come religione principale lungo le spiagge di Giava e Sumatra, un processo durato secoli. Nel XV secolo l'influenza islamica si era diffusa in tutto l'arcipelago, in particolare nelle regioni costiere delle isole vicine dell'arcipelago.

Nel corso degli anni, quando le religioni cambiarono a livello di corte, la gente comune abbracciò elementi di ogni nuova religione come un ulteriore strato in aggiunta alle loro credenze locali originali, dando vita a un melting pot religioso. Di conseguenza, l'Islam si esprime in Indonesia in modo diverso rispetto ad altre parti del mondo. Aceh, Sumatra occidentale, Giava occidentale, Kalimantan sud-orientale e alcune parti delle Piccole Isole della Sonda sono le aree in cui la fede è più strettamente osservata, seguite dal resto dell'Indonesia.

Sull'isola indonesiana di Giava, i musulmani che aderiscono alle usanze ortodosse sono chiamati santri. Mentre gli abangan seguono una tradizione più sincretica, le loro credenze e i loro costumi sono fortemente influenzati dalle credenze e dalle tradizioni dei loro antenati. Con l'avvento di una classe media più consapevole dal punto di vista religioso, soprattutto a partire dalla fine del XX secolo, lo stile di fede abangan ha perso terreno, mentre i comportamenti musulmani più tradizionali hanno guadagnato terreno. Le persone a tutti i livelli, invece, prestano molta attenzione ai numerosi riti locali che si svolgono quando si nasce, si muore e ci si sposa. In tutte le occasioni importanti si tengono cerimonie (selamatan).

Vita rurale indonesiana cinese

La popolazione rurale indonesiana rappresenta circa la metà della popolazione totale del Paese. Il fatto che i vulcani svolgano un ruolo così importante nella formazione e nell'arricchimento del suolo significa che esiste un forte legame tra la crescita agricola, la densità di popolazione e la posizione dei vulcani. I vulcani attivi dell'Indonesia sono concentrati sull'isola di Giava e le più alte densità di popolazione si trovano in aree come quelle a sud e a est del Monte Merapi, dove le ceneri e i detriti vulcanici arricchiscono il suolo.

Giava ospita la più alta concentrazione di vulcani attivi al mondo e la più alta densità di popolazione al mondo. Anche i suoli di Bali e del nord di Sumatra presentano lo stesso schema: la ricchezza del suolo è strettamente legata ai flussi delle eruzioni vulcaniche. Nelle isole indonesiane di Giava, Madura e Bali esiste una struttura agricola altamente sistematizzata, incentrata soprattutto sull'agricoltura del riso umido. La maggior parte del resto del Paese è costituito da piccoli insediamenti che si affidano all'agricoltura di sussistenza per guadagnare denaro.

Le risaie coprono gran parte della pianura di Giava e, in molti luoghi, risalgono i fianchi delle colline in forma di terrazze, rendendo questo tipo di abitazione il più diffuso. Il villaggio rurale è il tipo di insediamento più comune a Giava ed è il luogo in cui vive la maggior parte delle persone. In tutta la campagna si possono vedere gruppi di alberi di cocco, palme e alberi da frutto, che segnano l'ubicazione delle comunità in tutta la campagna. Ovunque, nella parte centrale e orientale di Giava, ci sono molte comunità come questa. Alcune di esse hanno una popolazione numerosa, altre no.

Villaggi cinesi indonesiani

In ogni villaggio, gli abitanti si uniscono per creare un gruppo omogeneo in termini di situazioni economiche, interessi sociali e prospettive. In molte situazioni, soprattutto nelle regioni irrigate, c'è un grande scambio di lavoro tra vicini. A causa della sovrappopolazione delle regioni densamente abitate, le dimensioni medie delle aziende agricole si sono ridotte e il numero di residenti rurali senza terra è aumentato, la maggior parte dei quali lavora come braccianti agricoli, mezzadri o lavoratori temporanei nelle aree urbane.

La fonte d'acqua in ogni villaggio giavanese è un ruscello o un pozzo; la comunità dispone anche di una moschea e di una scuola elementare, oltre che di una rete di camminamenti a terra. L'attività commerciale formalmente organizzata è minima; gli articoli vengono acquistati da venditori ambulanti e piccoli negozi (warung) o dalle città mercato, che spesso sono anche centri governativi locali.

Gli edifici sono ben suddivisi e spesso sono costruiti con strutture e bambù, con tetti di tegole rosse o fibre di cocco. Tuttavia, le case costruite con mattoni di produzione locale stanno diventando sempre più comuni, soprattutto tra le famiglie benestanti della zona. La vita del villaggio è caratterizzata dalla presenza di capre, pollame, alberi di banane e papaya, oltre che da un gran numero di bambini piccoli.

La struttura rurale differisce notevolmente da una località all'altra. In alcuni villaggi Dayak del Kalimantan, ad esempio, le longhouse originali a più unità sono state conservate accanto a residenze monofamiliari contemporanee, la cui costruzione è stata fortemente sostenuta dalle autorità locali.

I santuari indù, le strutture pubbliche e i templi più grandi si trovano nei villaggi balinesi, che sono raggruppati come un labirinto di complessi familiari fortificati. Inoltre, i villaggi Batak vicino al lago Toba, nel nord di Sumatra, i villaggi Minangkabau nell'ovest di Sumatra e i villaggi Toraja nel sud di Celebes hanno tutti uno stile costruttivo e architettonico caratteristico che li distingue gli uni dagli altri.

Come la forma degli insediamenti, anche le tendenze sociali rurali in Indonesia sono molto variabili in tutto l'arcipelago del Paese. A Giava ci sono poche organizzazioni organizzate al di sopra del livello familiare, ma gli insediamenti nella vicina isola di Bali hanno una pletora di gruppi che si dedicano al lavoro, alla danza e ad altre attività, molte delle quali sono legate alle feste indù. Molte tribù Dayak si affidano a un sistema di lavoro reciproco per lavorare le risaie durante i periodi del ciclo agricolo che richiedono molta manodopera, particolarmente diffuso nelle Filippine.

Vita cittadina cinese indonesiana

Rispetto ad altre nazioni che si trovano in uno stadio di sviluppo economico paragonabile, l'Indonesia ha un basso grado complessivo di urbanizzazione. Gli individui provenienti da famiglie rurali vivono e lavorano nelle aree urbane di Giava e all'estero, ma tornano alle loro città di origine almeno una volta ogni sei mesi, il che si spiega in parte con il fenomeno della migrazione non permanente, o "circolare", sull'isola. Le città di tutte le dimensioni stanno crescendo rapidamente, anche se c'è molta differenza nella velocità di crescita delle città nelle diverse parti del Paese.

Ad eccezione della maggior parte delle principali regioni metropolitane indonesiane (ad esempio, Giacarta, Surabaya e Medan), poche città del Paese presentano l'eterogeneità di un vero e proprio centro urbano, come si può vedere nel grafico seguente. Al contrario, esse fungono da centri economici, amministrativi, culturali e sociali per vaste aree densamente popolate e diverse dagli Stati Uniti.

L'espansione delle città non è stata accompagnata da un'espansione dell'industria e il futuro di gran parte della popolazione urbana è ancora dominato dalle questioni rurali. Pur vivendo nei kampong (villaggi) urbani, ampie fasce della popolazione, soprattutto a Giacarta, continuano a praticare usi e costumi della tradizione rurale. Sebbene gli abitanti delle città godano di una qualità di vita migliore rispetto alle loro controparti rurali, la disponibilità di alloggi adeguati, di acqua potabile e di servizi di trasporto pubblico continua a essere una delle principali fonti di preoccupazione.

Quattro delle cinque città principali dell'Indonesia - Jakarta, Surabaya, Bandung e Bekasi - si trovano a Giava; l'altra, Medan, si trova sull'isola di Sumatra. Jakarta è la capitale e la città più grande del Paese. Queste cinque città possono essere definite centri metropolitani piuttosto che importanti città di provincia, poiché ospitano la maggior parte delle istituzioni politiche, bancarie e commerciali del Paese. Un altro gruppo di città significative, tra cui Semarang, Padang e Palembang, oltre a Makassar (Ujungpandang), servono come centri amministrativi e commerciali per le rispettive province e, ad eccezione di Semarang, hanno solo limitate relazioni internazionali.

Subscribe to our newsletter

Sign up for our newsletter to recieve news, promotions, and annoucements.